Le Logge Umbre - Oriente di Perugia - Loggia 'Luca Mario Guerrizio' n. 964


Luca Mario Guerrizio era nato il 30 maggio 1897 e giovanissimo era stato iniziato alla Massoneria a Firenze nel 1919.

Trasferitosi a Perugia strinse subito stretti contatti con Mariano Guardabassi operando di nascosto nel periodo fascista sino a quando, nel 1943 insieme allo stesso Guardabassi e ad altri Fratelli, fu promotore della ripresa della attività massonica in città nei templi allora allocati presso il palazzo Angeli Paroli. Fautore e attore della resistenza locale al regime nazifascista radunò democratici e massoni che prestarono giuramento (“sul proprio onore di uomini di impegnarsi a combattere per la libertà di Italia") in una riunione avvenuta il 30 gennaio 1944 presso lo studio dell'avv. Giuseppe Angeli, sito in via del Bufalo.
 
I vari gruppi di militanti che operavano tra Città di Castello e Gubbio, comandati in gran parte comandati da chi aveva fatto tale giuramento, si riunirono in un unico gruppo: la Brigata Proletaria d'Urto Sanfaustino, armata da Mariano Guardabassi e finanziata per gli uffici e le conoscenze di Luca Mario Guerrizio e del comandante, cap. Stelio Pierangeli. Mentre la Brigata si impegnava in numerose azioni e conflitti, il col. Guerrizio teneva costanti e quotidiani contatti con la radio clandestina di Firenze.

Al termine del conflitto, e con il ripristino della democrazia, molti di quanti si erano adoperati nella resistenza furono chiamati a ricoprire incarichi prestigiosi e Luca Mario Guerrizio fu destinato ad essere il Questore della città dove continuò a vivere sino alla sua morte avvenuta, settantenne, il 24 luglio 1967.
 


    Massoneria Universale       Grande Oriente d'Italia       Palazzo Giustiniani        P.IVA 94051810540        www.grandeoriente.it